Un weekend in Sassonia a Dresda e Lipsia

Verso l’ora di cena siamo nuovamente fuori, ma stavolta ci dirigiamo verso il Grosser Garten, un immenso parco molto ben tenuto, proseguiamo attraversando il fiume Elba su uno dei suoi ponti e ci addentriamo nella Neustadt, la città nuova, costruita al di là del fiume, rientrando infine nel centro storico attraversando il ponte che porta direttamente nella piazza della cattedrale. Si sta facendo buio, la luce del crepuscolo ci consente di scattare foto da sogno. Una cena in centro ed è già l’ora di rientrare in hotel, anche perchè sta iniziando a piovere.

La mattina seguente, domenica, decidiamo di prendercela con calma, salutiamo Dresda con un ultimo giro in centro senza meta, e poco dopo l’ora di pranzo saliamo sul treno in direzione Lipsia. Giunti alla stazione, una delle più grandi d’Europa, ci incamminiamo verso l’hotel. Abbiamo scelto il B&B Elisa, a 29,50 euro per la camera doppia, ma purtroppo la scelta è stata errata. L’hotel è situato in un quartiere decisamente poco raccomandabile, a circa 30 minuti di cammino dalla stazione in direzione opposta al centro. Come se non bastasse, la porta d’ingresso era chiusa e il proprietario ci ha fatto attendere oltre un’ora prima di venirci ad aprire. In ogni caso posiamo i bagagli ed andiamo in centro. Il giudizio che diamo a Lipsia è sufficiente. La città ha un centro storico carino, una bella piazza centrale, sicuramente se l’avessimo vista prima di Dresda ci sarebbe piaciuta di più. Poco male, facciamo un bel giro toccando tutti i monumenti più famosi come la chiesa di San Tommaso, l’Altes Rathaus e la corte federale tedesca, un bellissimo palazzo che in tedesco è impossibile da scrivere e pronunciare (si chiama Bundesverwaltungsgerichtche come stile architettonico ricorda il municipio di Belfast. Ceniamo in centro e torniamo all’hotel per dormire, fortunatamente in questa stagione fa buio molto tardi, alle 22 c’è ancora molta luce.

La notte la passiamo decisamente bene, l’hotel è tranquillo e silenzioso, il letto comodo. La sveglia la mattina suona alle 07:00, ci incamminiamo verso la stazione e prendiamo un treno per l’aeroporto. L’aereo parte puntuale alle 09:10, due ore dopo atterra a Pisa e dopo pranzo siamo già in ufficio, con ancora negli occhi le bellezze architettoniche di Dresda e i paesaggi incantati della Sassonia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *